Ricostruire l'osso per sostenere il posizionamento del suo impianto

Gli impianti devono essere ancorati all'osso mascellare, proprio come i denti naturali. Se il volume osseo del paziente non è sufficiente, è comunque possibile ricorrere all'implantologia con l'aiuto di un trattamento che prende il nome di aumento osseo, una tecnica attualmente impiegata per incrementare il volume dell'osso mascellare.

Cosa significa avere un volume osseo ridotto?

A volte, con la perdita dei denti, anche l’osso circostante può deteriorarsi. In tal caso, se si necessita di impianti, l’unica soluzione è la ricostruzione dell’osso.
Esistono innumerevoli metodi di innesto osseo, sulla base delle singole esigenze. Se questo fosse il vostro caso, il vostro dentista potrà fornirvi informazioni dettagliate. Chirurghi e dentisti sono ben addestrati nella procedura standard di trattamento con innesto osseo e introduzione dell’impianto simultanei.

Innesto osseo - un intervento di routine?

L’innesto osseo è una procedura standard da oltre 40 anni e può essere effettuato al momento dell’introduzione dell’impianto. Il paziente non si accorge di nulla, se non della durata di qualche minuto in più dell’intervento.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16
In alcuni casi, l’innesto deve essere effettuato prima del trattamento di impianto con un tempo di guarigione fino a sei mesi prima dell'introduzione dell’impianto.

La procedura e i materiali

La procedura di innesto osseo consente la ricrescita dell’osso dove il volume è correntemente ridotto nell'area intorno all’impianto. In questo modo si migliora l’aspetto della corona implantare nel punto in cui incontra la linea gengivale e si contribuisce a fornire il supporto necessario per l’impianto.
Straumann offre una gamma completa di materiali sintetici e biologici per l’uso di questa tecnica – chiedete al vostro dentista.